Posturologia

Che cos’è?

La Posturologia è una medicina clinica integrata riconosciuta in campo internazionale, basata sull’anatomia, sulla neurologia e su quasi tutte le scienze di base. Studia e cerca di curare gli squilibri del “Sistema Tonico Posturale” con i riflessi che ha nella percezione e nel riconoscimento del proprio corpo nello spazio.

Che cosa fa

La posturologia, come dice il termine, si occupa di:

  1. cattiva postura, che è derivante per lo più da atteggiamenti fisici del corpo dovuti ad abitudini sbagliate o a problemi legati alla naturale
  2. scorretta struttura posturale del corpo.

Per comprendere l’importanza di questa medicina è necessario sapere che la quantità di persone con problemi di postura è numericamente molto alta. La postura di un soggetto (il suo “stare eretto”) non è che la risultante di rapporti reciproci tra i vari segmenti corporei e la loro posizione nello spazio. La testa, il tronco, gli arti, etc. assumono una posizione nello spazio perché il sistema muscolare e connettivale mantiene quei segmenti corporei in quella determinata posizione. I muscoli eseguono un comando proveniente dal Sistema Nervoso Centrale (SNC) che elabora delle informazioni in entrata dai recettori, e produce le informazioni conseguenti in uscita, dice in pratica “chi deve fare cosa e come”. Questo sistema complesso è il Sistema Tonico Posturale che vede coinvolte strutture del sistema nervoso centrale e periferico, soprattutto l’occhio, il piede, i denti, la cute, i muscoli, le articolazioni, ma anche l’apparato masticatorio-fonatorio e l’orecchio interno.

Tutte le strutture che inviano informazioni sull’atteggiamento del corpo (quindi occhio, piedi, cute in primo luogo) si influenzano a vicenda, ma lo fanno anche nel cercare di rimediare ad alcuni loro deficit (ad es. lo strabismo oculare o l’appoggio plantare errato). All’inizio questi deficit vengono compensati adattando il corpo (spalla più alta, rotazioni del bacino, atteggiamenti scoliotici,…), ma in seguito, quando lo scompenso sarà aumentato, basterà uno stress psico-fisico per far insorgere sintomi estremamente dolorosi. Le alterazioni posturali portano agli squilibri posturali che conducono alla patologia. Il posturologo usa una serie di test per individuare le disfunzioni dei recettori, studia il loro modo di interagire nell’organizzazione del sistema posturale e alla fine propone un piano di intervento. Il piano di intervento prevede l’esecuzione da parte del paziente di esercizi che vanno a correggere le disfunzioni individuate nei recettori. Questi esercizi sono anche detti “Riprogrammazione Posturale” e prevedono: ginnastica ortottica, ginnastica propriocettiva, posture ed esercizi per differenti distretti corporei, ad esempio di mobilizzazione e di correzione, di allungamento e di tonificazione.

RICHIEDI MAGGIORI INFORMAZIONI

Usa il formulario sottostante per richiedere maggiori informazioni. Verrai ricontattato il prima possibile.

Il tuo nome (richiesto)

Il tuo Cognome

La tua email

Il tuo numero di telefono (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio